SOPRINTENDENZA BCA
DI MESSINA

Territorio provinciale di competenza

Quadro riepilogativo delle attività istituzionali relative al Comune evidenziato sulla mappa

 

 

 

Clicca per tornare alla mappa generale di selezione - 108 Comuni

Galati Mamertino

Galati Mamertino

  Galati Mamertino

Nella sezione che segue le notizie di carattere storico o leggendario sono estratte in sintesi dai testi pubblicati nel sito ufficiale del comune di Galati Mamertino - cfr. all'URL

Il Palazzo del Principe
La nuova Amministrazione Comunale si propone di riportarlo al primiero fasto perché rappresenta il fiore all'occhiello del nostro piccolo centro montano.
Quando si parla del Principe, bisogna riferirsi a Don Filippo I Amato che fu il primo ad abitare la sontuosa costruzione che rimane isolata rispetto agli altri palazzi baronali che delimitano da un lato la spaziosa piazza S. Giacomo; successivamente giunsero altri rinomati casati nobiliari: gli Squiglio, i Lanza, i De Spuches, i Marchiolo e infine i fratelli Stazzone che vendettero il palazzo alla Regione Siciliana e questa lo devolse all'Amministrazione Comunale di Galati Mamertino per l'esercizio delle attività culturali.
E' un'ispirazione di stampo tardo - cinquecentesca, le cui caratteristiche sono, fra l'altro, l'atrio e la corte aperta sul giardino, con scalone e loggia al piano nobile. Nel passato decennio si è iniziato il primo lotto per i lavori di restauro, che ancora non sono stati ultimati.
Si rendono necessari, per il completamento, adeguati finanziamenti, perché possa essere adibito a sede di un Museo Polivalente, sale riunioni, convegni, biblioteca Comunale, archivi vari.

Il Castello
Per quattro secoli la vita feudale di Galati si svolse intorno al Castello, una imponente costruzione su un acrocoro roccioso, di cui adesso esistono solo i ruderi poiché tutto hanno messo in rovina l'incuria delle popolazioni e l'inclemenza erosiva del tempo. L'origine è incerta.
Alcuni studiosi la fanno risalire all'epoca araba, altri a quella normanna; un autore anonimo del "600" dice di avere scorto " una durissima pietra in cui stanno scolpite alcune lettere greche" e dice ancora: " In alcune rilevai l'Olimpiade IX, a richiesta di Placido Bisiniano".
Resta un Mistero racchiuso nelle vaghe formule interpretative del tempo. Come riferisce l'anonimo, il castello aveva molte stanze e cisterne e la magnificenza di Don Antonio Amato Principe di Galati ( 1643 - 1667) vi faceva rinchiudere i delinquenti, giacchè i Principi del tempo esercitavano anche il potere giudiziario.
Anni fa, per dare un assetto a quei ruderi ed evitare i pericoli dello strapiombo, è stato istituito un cantiere, ma i lavori espletati hanno mortificato l'importanza dei reperti lapidei.
Rimane la curiosità storica e occorrerebbero lavori di scavo, almeno in qualche zona angolare, per tentare il rinvenimento di qualche elemento che possa dar lume.
Metterebbe in discussione la tesi di una costruzione araba l'esistenza, dalla parte di nord est, dei ruderi dell'abside di una cappella interna al castello dedicata all'Arcangelo San Michele.

Visita del Centro Storico

L'itinerario ha inizio da Piazza S. Giacomo (sulla quale si affacciano i palazzi signorili settecenteschi e il Palazzo De Spuches) con la visita della Chiesa Madre, dedicata a S. Maria Assunta, dove si trovano tele e statue di pregevole bellezza, tra cui una tela raffigurante il Martirio di Sant'Agata di Pietro Novelli, detto il Monrealese, le statue marmoree della Trinità e dell'Annunciazione di Antonio Gagini, tele del Mercurio e del Tresca, la statua lignea di S. Sebastiano di fattura fiamminga. L'itinerario prosegue lungo strette stradine che conducono alla Chiesa del Rosario, che ospita, fra le altre opere, la statua in marmo della Madonna della Neve di Antonello Gagini; si prosegue verso la Chiesa di S. Luca, caratterizzata da un'imponente scalinata in pietra, per poi giungere alla Chiesa di S. Caterina, dove si possono ammirare il Crocifisso ligneo di fra Umile da Petralia, dall'anatomia precisa e commovente, l'Immacolata del Abagnasco, la statua in marmo di S.Caterina d'Alessandria, opera del Gagini, e preziose tele di scuola post raffaellesca.
L'itinerario si conclude con la visita ai ruderi del castello arabo – normanno.
E' possibile, inoltre,visitare il Mulino e Pastificio Etnoantropologico, sito in un locale ancora integro risalente ai primi del '900: la struttura rappresentava, unitamente a quelli funzionanti nella Valle del Fitalia, uno dei primi esempi di aggregazione neo-industriale. Qui possiamo vedere arnesi, strumenti e macchinari inerenti il ciclo del grano, apprendendone il funzionamento e, inoltre, antichi oggetti legati alla quotidianità.


SOPRINTENDENZA PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI DI MESSINA

Partita IVA 02711070827
codice fiscale 80012000826

Viale Boccetta,38 - 98122 Messina
tel. 090 36746111 FAX 090 363589
mail: soprime@regione.sicilia.it
soprime@certmail.regione.sicilia.it


Staff tecnico per la realizzazione del sito
Web master/designer Riccardo Vadalà
collaboratore: Francesca De Salvo
mail: riccardo.vadala@regione.sicilia.it

Tutti i diritti sono riservati ©Copyright
Le immagini sono protette e non possono essere utilizzate, copiate, riprodotte, modificate con alcun mezzo, ripubblicate sul web,
senza il consenso scritto del titolare del copyright ©.